DVG Stories

Per le icone gli anni non passano mai, sono solo un cavillo o il pretesto per spegnere le candeline. Nell’immaginario collettivo restano sempre un ideale, un ricordo, un’immagine da ammirare. Dev’essere così anche per Gina Lollobrigida, che oggi compie 90 anni, ma che nel cuore degli italiani è sempre una fata turchina senza età. Merito dei registi (Luigi Comencini, Mario Monicelli, Zeno e Luigi Zampa per citarne alcuni) che l’hanno portata sul grande schermo e le hanno regalato ruoli indimenticabili, dalla Bersagliera di “Pane, amore e fantasia” alla Romana.

Il debutto nel mondo dello spettacolo arriva con “Miss Roma” nel 1947, poi un salto a “Miss italia”, giusto il tempo di conquistare tutte le copertine dei rotocalchi. Ma per questa giovane e bellissima donna, nata a Subiaco nel 1927, il destino ha già in riserbo una carta in più: Cinecittà.

Gina Lollobrigida e Renato Rascel. Foto di Vittorio La Verde

Il successo italiano diventa ben presto internazionale. E’ il 1954 quando il Time scrive: “In Europa Gi-na-Lol-lo-bri-gi-da sono le sette sillabe più famose. È lei la ragazza che, secondo Humphrey Bogart, “fa sembrare Marilyn Monroe simile a Shirley Temple””. Hollywood chiama spesso, ma lei non risponde. L’Italia è il Paese dove vuole vivere e portare in scena la sua arte. E qui la gente la ama: gli uomini perdono la testa per lei, i fotografi la inseguono, i giornali alimentano l’eterna rivalità con Sophia Loren.

Negli anni ’60 e ’70 arriva anche il debutto in televisione, con Luigi Comencini che le cuce addosso un altro ruolo indimenticabile, quello della Fata Turchina. Dopo quell’esperienza, però, la Lollobrigida decide che è arrivato il momento di farsi un po’ da parte. E’ tempo di spegnere le luci della ribalta per riaccendere quelle di due vecchi amori: la fotografia e la scultura.

L’arte e la creatività restano comunque il filo conduttore della sua esistenza e, vista l’energia dei suoi 90 anni, sono sicuramente due potenti elisir di lunga vita.

Gina Lollobrigida in una foto di Gilberto Petrucci

 

Share: